Il nuoto per master e amatori – Fabio Bettazzoni

bettazzoni

Facendo ordine nella libreria è saltato fuori un libro che non mi ricordavo neanche più di avere, Il nuoto per master e amatori, di Fabio Bettazzoni con la prefazione di Luca Sacchi. E’ il primo testo uscito in Italia, e credo proprio sia rimasto l’unico, che analizza il fenomeno del nuoto praticato da master e amatori nei suoi aspetti evolutivi, tecnici e gestionali. Chi sono i master? I master sono nuotatori che gareggiano in un circuito riservato a persone di età pari o superiore a 25 anni.

Le sezioni del libro 

Dopo una prima parte in cui analizza gli aspetti storico culturali, passiamo alla parte tecnico -didattica, forse la più interessante per chi si avvicina al nuoto master per la prima volta. L’ultima parte è riservata agli aspetti tecnico-gestionali, che riguardano chi intende lanciarsi nell’avventura dall’altra parte del vetro, come allenatore o società.

Pur essendo ormai sorpassato sotto diversi profili, rimane comunque un testo interessante per chi vuole studiare le origini del movimento in Italia. Di solito, infatti, ancora oggi si parla di nuoto per narrare le gesta sportive e private degli atleti di punta. Così si finisce per sottovalutare l’importanza del movimento di base, che dà linfa economica e di entusiasmo, all’intera disciplina.

L’autore e la prefazione 

L’autore, Fabio Bettazzoni, ex primatista europeo master, è tra i fondatori – nonché responsabili dell’area tecnica – della Nuovo Nuoto di Bologna. La prefazione è curata da Luca Sacchi, ex nuotatore e oggi commentatore televisivo, che con la consueta ironia ci racconta nelle prime pagine la situazione tipo di una qualsiasi squadra di nuoto master.

Massimo fa il fotografo, Monica è segretaria, Roberto fisioterapista, Iaia non lo so ma è bellissima. Poi c’è l’avvocato, quello delle pubbliche relazioni, l’imprenditore, il professore universitario, l’impiegato dell’Algida, Gionni che vende telefonini, P.J. Ombra – sguardo cupo, voce appena sussurrata “se ti serve qualcosa, Luca…magliette, orologi…beh…chiedimi pure” – e Fabio che invece fa il giudice (a lui P. J. non offre nulla). Insomma, una normale squadra master. 

La tua squadra master somiglia a questa? Raccontacela nei commenti! 😉 

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *