Archivi tag: Roma

La vita in quarantena: il racconto di Skywalker

Galeotto fu l’aperitivo…già, uno di quei famigerati aperitivi che solo a sentirli nominare oggi ci fanno rabbrividire. Eppure per qualcuno, prima della chiusura totale, proprio un incontro ravvicinato ha segnato l’inizio di una storia d’amore. Questa la trama del racconto che Skywalker, si è firmato così, mi ha mandato per partecipare a Scrivi il tuo racconto in quarantena. Chissà se quello che ha scritto è solo fantasia, oppure se davvero oggi è in qualche appartamento romano che tenta di sfuggire alla geolocalizzazione.

***

Mariangela non credeva che Nick, il ragazzo con cui stava chattando su Tinder, si chiamasse veramente Nick.

“Se non ci credi vengo in quel Bistrot di Trastevere dove stai adesso”, le scrisse lui sapendo che lei, dopo qualche secondo di silenzio, avrebbe accettato. “Però facciamo finta di conoscerci già, sto con degli amici e non voglio che sappiano che sto su Tinder”.

“Ok, così evito la brutta figura anche io. Ci siamo conosciuti quando sei venuta a Milano per lavoro”.

La geolocalizzazione aveva funzionato, i filtri un po’ meno, infatti Nicola, perché così si chiamava e per questo aveva scelto Nick come nick, riconobbe subito Mariangela al tavolo del bistrot mentre stava consumando l’aperitivo con due amici. La risata di Mariangela alla scoperta del motivo per cui Nick era veramente nick rese subito chiaro a entrambi che questo primo appuntamento era destinato a finire bene. Lo capirono anche Enzo e Laura, che dopo un po’ li lasciarono soli davanti al secondo spritz della serata, mentre l’ora dell’aperitivo era ormai passata. “Tanto domani Milano riparte” era una delle battute della serata che dava a entrambi la scusa per poter concludere il tutto con leggerezza nell’appartamento romano di Mariangela.

La mattina dopo, però, mentre Nicola le stava preparando il caffè prima di riprendere il volo per Milano, Mariangela iniziò a tossire e starnutire.

“Questo caffè non sa di niente, ma non è per te” gli disse prima di misurarsi la febbre e scoprire che aveva 37,5.

Milano riparte si diceva in quei giorni per scacciare la paura del Coronavirus, d’accordo, ma prima di ripartire Milano, anzi Nick, accompagnò Mariangela a farsi controllare.

“Tampone negativo, ma quarantena. Puoi andare, grazie, per un po’ non avrai bisogno di Tinder per sapere dove sono”.

“Ti riporto a casa, meglio che non prendi l’autobus”.

“Ma come fai con l’aereo?”.

“Non so se lo prendo. Prima, mentre eri dal medico, ti ha chiamato per quattro volte Enzo. Alla quinta, ho risposto, pensavo fosse importante. E lo era: anche Laura si è sentita male stamattina, ma il suo tampone è positivo, quindi stanno tutti in quarantena. E devono starci naturalmente tutti coloro che erano al tavolo ieri”.

E’ passato quasi un mese. Mariangela è in cassa integrazione e fa yoga. Nick fa smartworking per la sua azienda milanese e guarda “La casa di carta”. Stanno entrambi bene, la geolocalizzazione alla coreana non li troverà mai. Quando tutto questo sarà finito, racconteranno al mondo di come iniziò la loro convivenza.

Testo di Skywalker

Foto di Huy Phan

Vuoi partecipare all’iniziativa Scrivi il tuo racconto La vita in quarantena? Prendi carta e penna e segui le istruzioni.

Leggi anche:

La mia vita in quarantena: il racconto di Natascia 

La mia vita in quarantena: la quarantena di una quarantenne

La Korea week sbarca a Roma: tutti gli eventi da non perdere

Torna a Roma per il quarto anno consecutivo la Korea Week, una vera full immersion sulla Corea organizzata dall’Istituto di Cultura Coreano di Roma. Per me, che sto per sbarcare in questo meraviglioso Paese un’occasione imperdibile. Mi fate compagnia? Di seguito tutti i dettagli per vivere una settimana diversa dal solito, a contatto con le tradizioni e le usanze di una Nazione così lontana e, incredibile in questo mondo così connesso, ancora così poco conosciuta dagli italiani. E poi, in fondo, il link per libri, ricette e viaggi, tutto sulla Corea del Sud! 

Quando, dove e come

 La quarta edizione capitolina e l’ottava a livello nazionale della Korea week si chiama “Mangia, Gioca, Ama Corea”. Avete tempo da oggi, 30 settembre, fino al 4 Ottobre per affacciarvi nel “Paese del calmo mattino”. L’🇰🇷 ingresso è gratuito 🇰🇷, 📍 ma dove 📍 ? All’Istituto Culturale Coreano in Italia – 주이탈리아 한국문화원 Via Nomentana 12 a Roma. Visto il successo dell’iniziativa e la grande affluenza di pubblico, vi consiglio di presentarvi all’istituto con largo anticipo. Se vi iscrivete alla newsletter vi daranno due gettoni da utilizzare successivamente per mangiare o “acquistare” gadget. Altri gettoni potrete conquistarli partecipando ai giochi. Buttatevi senza remora, sono tutti divertenti! Alcuni prevedono anche dei premi se riuscirete a centrare l’obiettivo. Io, per esempio, mi sono portata a casa un appendino d’acciaio con il profilo di Seul molto carino 🙂 Insieme a un tatuaggio e a un segnalibro col mio nome, questi per tutti. Ho scoperto dopo che la frase da me scelta per il tatuaggio è il titolo di un libro del poeta e politico coreano Jong-Hwan Do. Avevate dubbi??? Non ci sarebbe neanche da aggiungere, ma lo dico lo stesso, che il cibo è ottimo. Insomma, andate!

Le attività 

Chi, come me, ama il Bibimbap (piatto misto a base di riso) potrà imparare a cucinarlo con la Maestra del “Baekban” di Jeonju Soon Deok Woo. Ci saranno anche lezioni di bon ton coreano, lezione sulle salse fermentate coreane con la maestra Jeong A Hwang e ovviamente assaggi di cibo, bevande, liquori e cocktail coreani. Se preferite il cinema coreano, che è di altissimo livello, mercoledì 2 ottobre alle 19:00 potrete guardare il film “Le Grand Chef”, basato sul Manhwa (fumetto) coreano. Non a caso, la settimana si apre con l’inaugurazione della mostra digitale sui Webtoon, i fumetti digitali online coreani. E la cosmetica? Come potrebbe mancare uno dei prodotti coreani di eccellenza? Verranno infatti realizzati workshop centrati sul K-Beauty, con consigli utili su come prendersi cura della propria pelle in modo naturale. Potremo anche provare gli Hanbok, gli abiti tradizionali coreani e divertirci con i giochi tradizionali coreani.

Il programma completo della Korea Week Roma 2019

Lunedì 30 settembre

18:30 – Inaugurazione Korea Week
19:00 – Inaugurazione mostra Webtoon

Martedì 1 ottobre

9:30~17:00 – Forum Corea/Italia (Hotel Cavalieri Waldorf-Astoria)
19:00 – Lezione di Bon Ton in una tavola coreana e come apparecchiarla (su prenotazione con contributo spese)
19:00 – Lezione sul Bibimbab (su prenotazione con contributo spese)
19:00 – Workshop sul Webtoon

Mercoledì 2 ottobre

19:00 – Proiezione film “Le Grand Chef”
19:00 – Lezione su salse e salse fermentate coreane (su prenotazione con contributo spese)
19:00 – Workshop sullo skin-care coreano (su prenotazione con contributo spese)

Giovedì, venerdì 3/4 ottobre

17:30~21:00 – Assaggi di cibi, liquori e bevande coreane, giochi tradizionali, prova dell’Hanbok (abito tradizionale coreano) e altro ancora.

Maggiori informazioni
📧 info@culturacorea.it
☎ 06441633

http://italia.korean-culture.org/it

Leggi anche: 

Tutto sulla Corea del Sud, libri, viaggi e ricette

Librerie di Seoul in cui perdersi, felici e sommersi

Contenuto non disponibile
Consenti i cookie cliccando su "Accetta" nel banner"

Leonardo da Vinci in mostra a Roma

Apre oggi alle Scuderie del Quirinale di Roma la mostra Leonardo Da Vinci. La scienza prima della scienza, che ho visitato ieri in anteprima e che mostra Leonardo nella sua dimensione ingegneristica e umanistica. Niente dipinti, quindi, bensì una bella panoramica dell’opera di Leonardo sul fronte tecnologico e scientifico. Ora vi racconto perché è da vedere assolutamente se siete nei paraggi. 

La mostra

La mostra, organizzata dalle Scuderie del Quirinale con il Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano e insieme alla Veneranda Biblioteca Ambrosiana, celebra il genio di Leonardo a 500 anni dalla sua morte. Dalla formazione toscana, al soggiorno milanese, fino al tardo periodo romano, la mostra ripercorre l’opera di Leonardo sul fronte tecnologico e scientifico e traccia le connessioni culturali con i suoi contemporanei, per offrire una visione finalmente ampia di questa grande figura, spesso presentata come genio isolato.

Il percorso

alianteIl percorso si articola in dieci sezioni, ognuna della quali ruota attorno a dieci disegni del Codice Atlantico di Leonardo, custodito nella Biblioteca Ambrosiana di Milano. Le opere di Leonardo vengono messe a confronto sia con i modelli storici della collezione del Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia di Milano, sia con i manoscritti di artisti e ingegneri del rinascimento. Sarà possibile ammirare un monumentale modello in gesso del Pantheon, i grandi portelli originali della chiusa di San Marco del Naviglio, i prototipi di aliante con cui Leonardo sognava che l’uomo riuscisse a volare e le macchine per la tessitura.

Leonardo: genio sì, ma non isolato

Al contrario, le sezioni della mostra rendono evidente non solo che Leonardo possedesse un approccio scientifico che applicava su più fronti, ma anche che i suoi interessi fossero strettamente connessi con il pensiero tecnico e umanistico dell’epoca. Seguendo il percorso, infatti, è possibile apprezzare Leonardo nella sua eccezionale abilità artistica e soprattutto nelle sue competenze ingegneristiche e umanistiche. Non era uno scienziato in senso stretto, ma del ricercatore e dell’uomo di scienza possedeva certamente l’approccio, di osservazione, misurazione e verifica, che lo avvicinano enormemente agli uomini di scienza che arriveranno dopo di lui.

La biblioteca di Leonardo

codiceInutile dirvi che la mia sezione preferita è quella dedicata alla biblioteca di Leonardo, che incredibilmente definiva se stesso “omo sanza lettere” per la sua formazione pratica. In realtà, la sua collezione di oltre 150 volumi, che per l’epoca era un numero ragguardevole, dimostra esattamente il contrario. Pensate che Leonardo non conosceva il latino e iniziò quindi a leggere testi in volgare come la Commedia di Dante o le traduzioni di classici di Ovidio e Plinio. Rendendosi presto conto che latino e matematica erano indispensabili per poter approfondire i suoi studi teorici, compì un faticoso processo di formazione studiandoli a Milano. Purtroppo la sua collezione è andata dispersa, con un’unica eccezione: il celebre Manoscritto Laurenziano, una copia del Trattato di architettura dell’ingegnere-artista Francesco di Giorgio Martini. Prestato dalla Biblioteca Medicea Laurenziana di Firenze,  è l’unico volume appartenuto con certezza alla biblioteca di Leonardo perché arricchito di numerose annotazioni di suo pugno.  Eccezionalmente in prestito dalla Bibliothèque di Ginevra, inoltre, uno dei due manoscritti del De Divina Proportione di Fra’ Luca Pacioli. Quest’ultimo è un famoso trattato di matematica realizzato per il duca Ludovico il Moro nel 1498 e illustrato da sessanta solidi basati sui disegni preparatori eseguiti da Leonardo. Ci sono poi altre chicche per noi bibliofili, come la copia del Leggendario Sforza Savoia. Il manoscritto, prestato dalla Biblioteca Reale di Torino, è considerato la summa della miniatura del Quattrocento. Segue poi una serie di testi e autori che Leonardo avrebbe potuto avere nella sua biblioteca. La ricostruzione della sua biblioteca è interessante perché ci permette di toccare con mano non solo la poliedricità dei suoi interessi, ma anche la vera essenza del suo genio: teoria e pratica che si fondono fino a rendere l’una e l’altra utili al progresso dell’umanità.

Informazioni utili

Le Scuderie del Quirinale si trovano a Roma, in via XXIV Maggio numero 16 e sono accessibili alle persone con ridotta o impedita capacità motoria o sensoriale. La mostra resterà aperta fino al 30 giugno 2019, da domenica a giovedì dalle 10.00 alle 20.00, venerdì e sabato dalle 10.00 alle 22.30. L’ingresso è consentito fino a un’ora prima dell’orario di chiusura. Tutti i biglietti includono l’audioguida in italiano e inglese.

Per altre informazioni: www.scuderiequirinale.it

tessitura

 

Scontro di civiltà per un ascensore a piazza Vittorio – Amara Lakhous

Ho scelto questo romanzo di Amara Lakhous per il titolo e perché la trama m’incuriosiva. Mi sono ritrovata a divertirmi riflettendo, quanto di meglio si possa chiedere a un libricino che indagando su un mistero, chi ha ucciso il Gladiatore?, vuole indagare la psiche umana e i suoi limiti indotti.

La trama

In un condominio di Piazza Vittorio a Roma, nel quartiere multietnico dell’Esquilino, un losco individuo di nome Lorenzo Manfredini, detto “il gladiatore”, viene trovato ucciso dentro l’ascensore. Chi è stato? I sospetti si concentrano su uno dei condomini, Amedeo, misteriosamente sparito proprio il giorno dell’omicidio. I vicini di casa, però, non sono d’accordo: non può essere stato lui. E allora chi? Ogni condomino, interrogato, propone la sua verità.

Chi ha fatto la pipì nell’ascensore?

Il romanzo è piccolino e gustoso e si legge in uno o due giorni, anche perché se i condomini sono d’accordo su una sola cosa, cioè che non possa essere stato Amedeo, un motivo ci sarà pure e la voglia di sapere chi sia l’assassino cresce con il passare delle pagine. Gli scontri di civiltà del titolo sono il secondo motivo che cattura.

Quando in televisione vediamo i conflitti a fuoco, i kamikaze, gli attentati terroristici, gli sbarchi,  sembra sempre che dietro gli scontri ci siano grandi ideali, giusti o sbagliati che siano, il dio Denaro, la lotta per il potere. Insomma, temi alti. Qui, invece, il lettore si rende conto immediatamente che i problemi sono altri: sono, più banalmente, quelli che chiunque abbia partecipato a un’assemblea di condominio comprenderà immediatamente.

I problemi quotidiani come l’uso dell’ascensore, il cane che sporca, la portinaia impicciona, nascono da difficoltà che tanto banali non sono. Sorgono e vengono ingigantiti dal pregiudizio, dall’ignoranza, dalla presunzione di essere migliori degli altri. Nascono, e diventano insormontabili, perché ci rifiutiamo di aprirci agli altri, di assumere il loro punto di vista, di imparare dagli errori e orrori del passato, per accettare che diverso significa solo diverso e non sbagliato.

Sarà mica un italiano?

Lo scrittore usa un tono leggero e divertente per far capire che esistono tante verità, diverse angolazioni da cui guardare un fatto, innumerevoli complicazioni che potremmo evitare se parlassimo la stessa lingua. E’ sorprendente come sia riuscito, pur essendo lui stesso di diversa etnia, a osservare con grande acume vicende, situazioni e personaggi che tratteggiano la realtà italiana meglio di come facciano registi e scrittori autoctoni. Viene quasi il sospetto che anche Amara non sia chi dice di essere. Sarà mica un italiano sotto mentite spoglie?

Una sola cosa ho da rimproverargli, e cioè che cade anche lui, chissà quanto consapevolmente, nel tranello che ha teso ai personaggi. Gli italiani, infatti, ne escono con le ossa rotte: ignoranti, prevaricatori, delinquenti e intolleranti. Gli immigrati, tutti brava gente: incompresi, sfruttati, soli e sottomessi. Sarà proprio tutto così bianco e nero? O anche in questo caso in una sola verità coesistono diverse gradazioni di colore?

Non c’è mondo fuori dalle mura di Verona/terzo giorno

L’inizio dell’ultimo giorno di vacanza porta sempre con sé un po’ di tristezza anticipata. Non è così anche per voi? Per esorcizzarla, conosco un solo rimedio: fare qualcosa che mi piace davvero, davvero tanto. Questo è il mio ultimo giorno a Verona. Ho visto tante cose interessanti, ma è quasi ora di andare via. Cosa mi rimane da fare? Seguitemi.

Palazzo della Gran Guardia

Il caso vuole che il Palazzo della Gran Guardia ospiti la mostra Maya, il linguaggio della bellezza. Un’occasione eccezionale, circa 250 reperti riuniti in un’unica sede, a testimoniare la bellezza del corpo utilizzato come tela. Nel mondo maya, nel quale la bellezza aveva un ruolo importante, la popolazione era solita realizzare quotidianamente acconciature per capelli e pitture su viso e corpo, riservandone invece di specifiche e particolari in occasione delle festività. Alcune di queste pratiche, come le cicatrici e i tatuaggi, cambiavano per sempre l’aspetto delle persone ed erano considerate espressioni visibili di identità culturale e di appartenenza sociale. Se passate per Verona prima del 5 marzo 2017 non perdetela, vale davvero la pena.

IMG_5600 IMG_5594

Caffè Tubino

Uscita di lì, niente di meglio di un caffè per assaporare ancora il gusto di un’arte così avanzata arrivata fino a noi dal mondo antico. Per la sosta rigeneratrice, ho scelto il caffè Tubino, dicono il più buono della città. Veramente ora si chiama Caffè Borsari, ma i veronesi sono affezionati al nome originale e chi sono io per cambiarlo? Perché poi cambiare nome se tutti lo amano? Misteri delle proprietà. Il locale è curioso, stracolmo di articoli natalizi e personaggi Disney in vendita. Il caffè ottimo e fortunosamente sono anche riuscita a trovare posto in uno degli unici tre tavolinetti presenti nel piccolo locale.

Colle di San Pietro

IMG_5636

Il tempo però vola, Natale è già finito e allora via, verso la prossima e…sigh…ultima meta. Chiudo in bellezza, in tutti i sensi, e fuori dalle porte cittadine. Mi inerpico in cima al colle di San Pietro, una bucolica collina che si eleva per qualche centinaio di Teatro Romano. La cima, in una posizione facilmente difendibile e vicina all’Adige, è abitata sin dalle origini e ospita una ottocentesca caserma militare edificata dagli austriaci, Castel San Pietro. Per salire, potete scegliere la via facile, arrivando in cima in automobile, oppure affrontare la faticosa scalinata che vi farà sentire felici di avercela fatta. Se scegliete la seconda opzione, prendete fiato prima di iniziare e, soprattutto, evitare di chiacchierare con i compagni di viaggio! In questo modo, le speranze di farcela aumentano. Sto scherzando, ovviamente, la salita è impegnativa ma non impossibile e dall’alto mi sono goduta un panorama eccezionale, una vista a 360 gradi sulla città. Scendendo, scegliete l’altro lato. Finirete a ridosso del Teatro Romano, dove l’estate i veronesi vengono ad ascoltare i concerti jazz.

Che meraviglia! Il luogo giusto per mormorare: “ciao ciao, Verona, è solo un arrivederci“.

Non c’è mondo fuori dalle mura di Verona/primo giorno

Non c’è mondo fuori dalle mura di Verona/secondo giorno