Perché non l’hanno chiesto a Evans? – Agatha Christie

evans

Sono pazzamente innamorata di Agatha Christie, ma al mio palmarès mancava Perché non l’hanno chiesto a Evans?, uno dei suoi lavori meno conosciuti anche se uscito nel 1934. Cioè lo stesso anno di Assassinio sull’Orient Express, tornato sulla cresta dell’onda grazie al Poirot di Kennet Branagh uscito da poco al cinema. Io l’ho scelto semplicemente perché inizia sulle mie amate scogliere, purtroppo del Galles e non della Cornovaglia, ma mi accontento.

La trama

Bobby Jones, quarto figlio del vicario di Marchbolt, in Galles, mentre gioca a golf nel suo villaggio, s’imbatte in un uomo in fin di vita, caduto da un vicino strapiombo: mentre Bobby lo tiene d’occhio, il suo compagno di gioco va a cercare soccorso. Bobby raccoglie le ultime parole dell’infortunato (“Perché non l’hanno chiesto a Evans?”). e trova accidentalmente nella tasca dell’uomo una foto che rappresenta una donna. Poiché ha fretta, affida la custodia del cadavere a un uomo di passaggio, tale Roger Bassington-ffrench. Dalla foto che la polizia trova nella tasca dell’uomo, si risale alla sua identità: è Alexander Pritchard, e ciò è confermato dalla donna ritratta nella suddetta foto, la sorella Amelia Cayman. Dopo l’inchiesta, una pura formalità, Bobby si ricorda delle ultime parole dell’uomo e informa i Cayman. Pochi giorni dopo, finisce in ospedale per aver bevuto una birra avvelenata. Mentre si trova ricoverato, scopre che la foto trovata dalla polizia nella tasca di Pritchard non è quella che lui aveva trovato e viene convinto a investigare dalla sua amica Lady Frances Derwent, “Frankie”, convinta che il tentato omicidio sia legato alla morte dell’uomo. L’uomo morto è davvero Alexander Pritchard? E chi è la donna nella foto? Ma soprattutto, chi ha tentato di uccidere Bobby e perché?

Una coppia buffa e simpatica spariglia le carte all’assassino!

Se avete voglia di leggere un giallo classico, prendete uno qualunque degli innumerevoli romanzi scritti da Agatha Christie e non rimarrete delusi. La scrittrice inglese è una maestra insuperata, e secondo me insuperabile, nel pennellare situazioni, personaggi e fatti in maniera incisiva e asciutta, per poi portare a spasso noi poveri lettori in un vortice di sospetti, indizi veri e falsi e colpi di scena che ci terranno incollati alle pagine fino alla fine. Per poi spesso dover ricominciare a leggere, dall’inizio o solo le parti cruciali, perché la perfida penna della Christie ingarbuglia talmente tanto la trama che sicuramente qualche passaggio fondamentale andrà rivisto. In Perché non l’hanno chiesto a Evans? il gioco di nomi, finti nomi e mascheramenti dei personaggi è marcato e dapprima mi ha lasciato perplessa, anche se alla fine, ricomposti tutti i tasselli, ho capito tutto. Geniale Dame Christie, anche se stavolta posso dire soddisfatta che avevo capito chi fosse l’assassino! L’unico problema è la traduzione italiana, anzi, più che altro la mancata corrispondenza tra i pronomi inglesi e quelli italiani, che rende meno comprensibile ai secondi il gioco sottile che c’è dietro lo spunto iniziale. Ma non posso dire di più per non rovinare la suspense a chi deve ancora leggerlo. Però se dopo vorrete commentare scrivetemi e ne parliamo Aggiungo solo che la coppia di protagonisti è buffa e simpatica ed è un peccato che le loro avventure non siano proseguite. In definitiva, un romanzo da leggere in un fine settimana di relax assoluto, sdraiati sul divano in compagnia di una bibita. Mi raccomando, che non sia una birra!

You may also like

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *